.:: Camera di commercio di Udine ::.

Home > Vi segnaliamo > Comunicati stampa > La Farnesina "porta a porta" dalle imprese per sostenerne l'internazionalizzazione
La Farnesina "porta a porta" dalle imprese per sostenerne l'internazionalizzazione

In Camera di Commercio di Udine ieri pomeriggio l’incontro del ministro Angelino Alfano con le aziende

 

la_farnesina_1.jpgla_farnesina_2.jpgla_farnesina_3.jpgla_farnesina_4.jpgla_farnesina_5.jpgla_farnesina_6.jpg


Foto Tassotto&Max

La Farnesina non solo apre le porte alle imprese, ma «va porta a porta» a presentare i servizi del Ministero e della rete di ambasciate e consolati in supporto alle aziende nella loro attività nel mondo, come ha detto (e fatto) ieri pomeriggio il Ministro degli Esteri Angelino Alfano, nell’incontro aperto a tutte le attività produttive organizzato con la Camera di Commercio di Udine. Un "tour" che vedrà il Ministero degli esteri toccare diverse città d’Italia, dopo Torino e, appunto, Udine,  proprio con questo obiettivo.

Il Ministro è stato accolto dal presidente della Cciaa Giovanni Da Pozzo e ha conosciuto un gruppo di imprenditori di tutti i settori. Nell’incontro in Sala Valduga, moderato da Guido Corso, direttore Rai Fvg, con Da Pozzo e il Ministro c’erano anche il presidente di Confindustria Matteo Tonon e di Confartigianato Graziano Tilatti.

Da Pozzo ha presentato alcuni dati significativi di supporto all’internazionalizzazione delle imprese realizzate dal sistema camerale, sempre in connessione con le reti diplomatiche all’estero: sono più di 2 mila le aziende coinvolte lo scorso anno dalle Cciaa del Fvg in seminari, check up preparatori all’attività internazionale, missioni e partecipazioni a fiere in tutti i principali mercati del mondo. Il nostro export è cresciuto del 6,29% nel 2016, un risultato dovuto in larga misura dal comparto "mezzi di trasporto" (+65%), ossia dalla cantieristica, ma con variazioni positive anche in altri comparti, come i prodotti di agricoltura (+5,3%), macchinari (+3%), alimentari e bevande (+2%). La nostra regione si conferma 7a tra le regioni italiane per valore dell’export: con oltre 13,2 miliardi nel 2016, rappresentiamo il 3,2% delle esportazioni totali (ci precedono solo Lombardia, Veneto, Emilia-Romagna, Piemonte, Toscana e Lazio). Il 55% del nostro export è diretto verso Paesi dell’Unione Europea, Germania in primis con il 17.4%, quindi Francia, Austria, Regno Unito, Slovenia. Ben il 18% del nostro export è rivolto all’America Settentrionale. Gli Stati Uniti sono il primo Paese con 2,3 miliardi, seguito da Germania e Francia.

E considerando l’export in proporzione al Pil, il Fvg è ai vertici in Italia, come ha evidenziato anche il Ministro sottolineando l’ottima propensione del nostro territorio e ribadendo proprio per questo la disponibilità piena della Farnesina a essere di supporto alle aziende «perché possano fare sempre meglio nel mondo». Se la percentuale media italiana nel rapporto export/Pil è del 28%, quella del Fvg sfiora il 40%.

Alfano ha ricordato anche i risultati di una ricerca che ha evidenziato come ci sia un gap tra chi si muove all’estero con il supporto del sistema Paese e senza. E ben il 61% dei beneficiari del lavoro della diplomazia economica sono proprio le aziende di più piccole dimensioni. Nel 2016, i mercati esteri hanno generato 417 miliardi di euro di esportazioni e un surplus della bilancia commerciale di 52 miliardi: su questi numeri – ha sottolineato Alfano – noi possiamo fare un pezzo di prosperità e dare una parte di risposta alla crisi economica del nostro Paese.

Alfano ha ricordato i fondi messi a disposizione per la promozione del sistema-Paese all’estero, l’attività di tutela dei prodotti del vero made in Italy all’estero, l’attività di informazione alle imprese sui mercati di interesse, il supporto per conoscere e comprendere il sistema regolatorio e burocratico dei Paesi esteri di interesse delle aziende, la consulenza sugli investimenti nei singoli mercati, il supporto sui bandi e le gare internazionali o anche in caso di contenziosi. E ha ribadito l’impegno per ad agevolare le procedure per le richieste di visto, portando a 48 ore lo standard di qualità per la trattazione dei visti per affari. 

Ultimo aggiornamento: 13 aprile 2017