.:: Camera di commercio di Udine ::.

Home > Vi segnaliamo > Comunicati stampa > «Grande imprenditore, amico, con il Friuli nel cuore: Primo Di Luca ci mancherà moltissimo»
«Grande imprenditore, amico, con il Friuli nel cuore: Primo Di Luca ci mancherà moltissimo»

Affettuoso e commosso il pensiero per la scomparsa del console onorario del Canada da parte di Giovanni Da Pozzo, presidente della Camera di Commercio di Udine, e di tutto il personale camerale

diluca_1.gifdiluca_2.gifdiluca_3.gifdiluca_4.gifdiluca_5.gifdiluca_6.gifdiluca_7.gif

«Primo Di Luca ci mancherà moltissimo: a me personalmente e come presidente della Camera di Commercio di Udine, dove, primo in Italia, aveva avviato il Consolato canadese, che guidava con impegno e orgoglio, con ottimi risultati, anche durante la malattia». È un pensiero commosso quello del presidente Cciaa Giovanni Da Pozzo per la scomparsa di Primo Ivo Di Luca, dal 2012 console onorario del Canada con un ufficio attivissimo, aperto ogni giorno, al quinto piano della Camera, dove il ricordo di tutto il personale è estremamente affettuoso per la sua umanità, l’entusiasmo e la costante disponibilità. «Primo, una grande persona e un grande amico - continua Da Pozzo -: un vero friulano, che da giovanissimo è partito da solo, in nave, alla volta del Canada e che solo con il suo talento, il suo saper fare, e con tanto, tanto lavoro, da semplice manovale è diventato in pochi anni un imprenditore di successo nel settore delle costruzioni, arrivando a realizzare il Di Luca Group, ora seguito dai suoi due figli, con commesse in tutto il Nord e Centro America. Ci mancherà molto il suo costante buonumore, l’entusiasmo con cui proponeva e affrontava ogni nuova iniziativa economica per le imprese del suo Friuli verso il Canada, l’amore per la sua terra natia, che ha sostenuto anche nei momenti più difficili, come quello del terremoto. In Canada, si è sempre speso per mantenere vivo il legame con il Friuli, anche per i più giovani, e per rinnovarlo con intelligenza sotto la spinta dell’innovazione e dell’attenzione alle novità. Lascia in tutti noi un messaggio attivo e positivo, di speranza in un futuro che porta sempre nel cuore la sua storia e la sua identità».

Il Consolato canadese è stato inaugurato ufficialmente in Camera di Commercio di Udine, primo in Italia in una sede camerale, il 6 agosto del 2012: da allora l’attività, come confermava periodicamente Di Luca stesso, è stata molto intensa. «Il Consolato del Canada - spiegava poco tempo fa - ha visto incrementare costantemente le richieste da parte del pubblico. Riceviamo una media di dieci telefonate al giorno e una decina di visite alla settimana, sia previo appuntamento che spontaneamente». A rivolgersi al consolato sono privati cittadini, tanti studenti, ma anche tanti professionisti e imprese, facilitate dall’ubicazione proprio nella sede camerale. Ciò ha permesso anche di approfondire al meglio le iniziative di internazionalizzazione con il Canada per le imprese friulane: la Cciaa e il Consolato hanno sempre lavorato fianco a fianco per organizzare i più validi approfondimenti, incontri d’affari, missioni e partecipazioni a fiere, garantendo uno scambio continuo e relazioni di alto profilo per le realtà imprenditoriali canadesi e friulane. Da un paio d’anni si è avviato anche un servizio di orientamento specialistico sul Canada, il Desk Canada, e proprio poche settimane fa la Cciaa di Udine è diventata sede dell’Icco, la Camera di Commercio italiana dell’Ontario, per sviluppare al massimo le relazioni con la regione che rappresenta il cuore economico del Paese.

«No plui "fasin di bessôi", ma "fasin insieme". Cussì o lin lontan». Con queste parole il console Di Luca, a fine 2014 ha presentato in Sala Valduga, con il presidente Da Pozzo, il libro della Camera di Commercio di Udine "Friulians in Canada". Il volume omaggia, attraverso una serie di storie e biografie fortemente simboliche, il legame Friuli-Canada e tutti i friulani emigrati nel grande Paese nordamericano, che lì sono riusciti a creare impresa e a costruirsi un futuro, con impegno e talento, raggiungendo risultati di riconosciuto successo. "Friulians in Canada", scritto da Sarah Rolfe Prodan, è prodotto  in coedizione con Forum Editrice Universitaria Udinese e con il patrocinio della Regione, e realizzato con il contributo della Banca Popolare di Cividale. Il sociologo e docente dell’Università Ca’ Foscari di Venezia Ulderico Bernardi ne ha curato la prefazione.

Ultimo aggiornamento: 14 giugno 2017

Questo sito utilizza cookies tecnici di terze parti per l'analisi aggregata del traffico allo scopo di ottimizzarne navigazione e contenuti.
Per maggiori informazioni, consultate la privacy policy del sito.

X