.:: Camera di commercio di Udine ::.

Home > Vi segnaliamo > Comunicati stampa > Presentazione progetti Fiera Impresa in Azione di Junior Achievement e Camera di commercio di Udine
Presentazione progetti Fiera Impresa in Azione di Junior Achievement e Camera di commercio di Udine

 

gara_ja_2018_1.jpggara_ja_2018_2.jpggara_ja_2018_3.jpg

 

Sintesi dei progetti d’impresa presentati il 24 maggio 2018 da 380 studenti alla Fiera Impresa in Azione di Junior Achievement e Camera di commercio di Udine

1) Tre dispenser in uno
ITSE Deganutti Udine 5° B
3Spenser vuole risolvere il problema del trasporto di prodotti per l’igiene. Personalizzabile in tutto, 3Spenser contribuirà alla riduzione del consumo di plastica, sarà di alta qualità, lunga durata e riciclabile. Un solo dispenser permetterà di trasportare fino a 3 prodotti (bagnoschiuma, shampoo, balsamo, crema corpo, schiuma da barba, dentifricio), grazie a erogatori dedicati.

2) Aromaterapia “illuminante”
ITC Flora Pordenone
Spesso l’idea scatta con una lampadina che si illumina. E un pò così è Chillife, prodotto multitasking partito proprio da un’idea per riutilizzare le lampadine tramite un prodotto “multitasking”, che è lampada per l’aromaterapia domestica e oggetto di arredo, con in più la caratteristica di recuperare le lampadine in via di esaurimento in Ue. Il Packaging è realizzato con calendari riciclati

3) Capelli naturalmente… fluo
IT MALIGANI Udine, 3°CMAA
Ciam significa Chemical Innovation Arturo Malignani e richiama l’indirizzo chimico scelto dagli studenti che hanno ideato azienda che produrrà “Underground Lights”, tinta per capelli che rispetta l’ambiente e sfrutta una caratteristica inedita della curcuma, la sua fosforescenza sotto luci ultraviolette. Una tinta giovane che dura un paio giorni e sparisce naturalmente.

4) E la serratura s’illumina
ITSE Degnanutti Udine 5° A
L’azienda DegaLight.Ja produrrà “Firefly” che, rilevando la presenza di una persona, emette l’impulso di illuminare la serratura attraverso un led e facilità così l’inserimento della chiave nella serratura in condizioni di scarsa visibilità. Fireply è un prodotto innovativo a basso costo che potrà essere accessibile a tutti. L’idea è venderlo prevalentemente nelle ferramente.

5) Mai più pioggia in auto
ITSE DEGANUTTI Udine, 5° D
EasyCar.ja è la startup produttrice di ComfyRain, che aiuta a riporre con praticità l’ombrello in auto, raccogliendone l’acqua senza che si disperda. Ha forma tubolare e due livelli di svitamento: il primo per regolare la tipologia di ombrello e il secondo di rimozione della punta per lo svuotamento dell’acqua. Il prodotto è facilmente applicabile nella parte anteriore dell’auto tramite velcro.

6) L’impresa si fa poesia
Educandato statale Uccellis, Udine - 3° E Liceo classico europeo
L’azienda creata porta la poesia nella quotidianità per incentivare questa forma d’espressione anche tra i giovani. E lo fa tramite una borsa in stoffa, alla moda e in materiale riciclabili, con stampate poesie realizzate con la collaborazione del giovane poeta friulano Cristiano Camaur. Il progetto ha portato alla collaborazione con tre librerie locali, un video aziendale che valorizza anche la città di Udine e un bando poetico per la scuole secondarie.

7) Agricoltura 4.0
ITE Zanon, Udine
Il prodotto di FurlanField è Green Station, capannina meteorologica autoalimentata con pannelli solari o ricaricabile attraverso corrente elettrica, in grado di misurare e inviare all’agricoltore in tempo reale i dati necessari a programmare gli interventi per migliorare la produzione, con più efficienza e meno trattamenti.

8) Imparare la Costituzione? Un “gioco”!
ITAF Mattei Latisana, 4° A e 5° A
Favorire l’apprendimento e le conoscenze in modo divertente e innovativo un gioco da tavolo sulla Costituzione Italiana. C’è un tabellone a spirale con 60 caselle e 120 carte con domande di diversa difficoltà. Lo scopo è rispondere correttamente, utilizzando e migliorando le conoscenze relative alla Carta Costituzionale, e giungere alla casella finale prima degli altri giocatori.

9) L’appendino friendly
ISIS Malignani 3° CBAB
Con Up’n’Din la startup Innovation Factory Ja vuole rendere più veloce e maneggevole l'uso dei normali appendini, evitando danneggiamenti ai capi di vestiario. L'elemento innovativo è la facilità di inserimento e sfilamento dai capi grazie a braccia pieghevoli mantenute in posizione da dei magneti. Gli appendini sono anche più facili da trasportare o stoccare.

10) Uno “scan” agli oggetti che non vogliamo dimenticarci
ITST “J.F. Kennedy” di Pordenone
U-TAG è un kit compatto capace di tenere traccia di tutti gli oggetti che ci portiamo appresso ogni giorno. La tecnologia impiegata prevede una sorta di scannerizzazione di ciò che ci portiamo dietro, visibile in elenco in un’app sul nostro smartphone. U-Tag va poi inserito in borsa assieme agli altri oggetti.

11) JAmp! Cover e sostegni in 3D per smartphone
Liceo Scientifico Guglielmo Oberdan, Trieste, classe 4°
Il prodotto è composto da una cover per cellulari dotata di un meccanismo d’incastro Lego a cui applicare tre tipi di strutture-moduli: un dock per la scrivania, uno per l’auto e uno portatessere. I moduli sono stati progettati e stampati in 3D per agevolare l’utilizzo del cellulare in sicurezza nelle diverse esigenze.

12) Dai rottami materiali innovativi
ISIS Galilei, Gorizia, 3a Bmm
La startup ha creato un materiale composito inglobando residui metallici di scarto (trucioli, filamenti, frammenti, granuli). Il materiale ottenuto è versatile ed esteticamente gradevole e può trovare applicazione in numerosi settori per la realizzazione di prodotti finiti o di parti e componenti. L’obiettivo è inserirsi nel settore design e innovazione, riciclare materiali di scarto per creare oggetti nuovi e ridurre l'impatto ambientale dei rifiuti metallici.

13) Una luce con “Minus waste”
ITSE Deganutti, Udine, 5° A Afm
La startup Minus Waste ha ideato C-Lamp, un corpo illuminante realizzato anche attraverso l’impiego di materiale riciclato. Il prodotto rappresenta un componente d'arredo composto da un corpo illuminante e una base in metallo, mira alla salvaguardia dell'ambiente grazie al riutilizzo di oggetti in vetro e ceramica destinati allo smaltimento.

14) Right colour? Right temperature!
ISIS Malignani, Udine 3° CMAB
OKelvin è un’etichetta molto speciale. Si rivolge prevalentemente ai sommelier professionali o anche agli appassionati di degustazione dei vini, ma può avere molti altri impieghi. Varia infatti la colorazione in funzione della temperatura, grazie alla natura dei due inchiostri termocromatici che la compongono.

15) Mascherine chirurgiche con cui comunicare meglio
ITSE Deganutti, Udine 5° C SIA
La startup OverWalls offre due prodotti, “InvisibleMask” e “MicMask”, ideati per permettere agli operatori che necessitano di una mascherina per lavoro di comunicare con clienti con difficoltà uditive. Il primo è una mascherina con al centro uno strato trasparente e traspirante per rendere visibile la bocca. “MicMask” ha un microfono applicato alla mascherina, collegato a un dispositivo mobile che, con un apposito software, trasforma le parole in testo.

16) Peaverùt: tutti i tavoli all’altezza giusta
ISIS Galilei Gorizia, 3 a Amm
La startup ha ideato un “piedino” piede regolabile in altezza, facilmente applicabile e adattabile a qualsiasi tavolo, scrivania, banco, sedia, con una precisione millimetrica, assorbendo anche eventuali dislivelli del suolo. Il design lineare e gradevole, non altera l’estetica del tavolo o sedia cui si applica.

17) “Viola di Udine”, un profumo per la città
ITSE Deganutti, 5° E RIM
“Profumo di classe” è la startup che mira a valorizzare e far conoscere attraverso un profumo artigianale la “viola di Udine”, unica per il petalo doppio o triplo e il particolare aroma: un prodotto nuovo e inedito che contraddistingua e possa valorizzare al meglio il capoluogo friulano. Rilevante anche l’attività per la scelta del packaging: boccetta, tappo e confezione e studio della grafica.

18) Il thermos del futuro va a energia solare
ITSE Deganutti, Udine 5° F AFM
Una borraccia, in grado di conservare il calore, immagazzinato attraverso un pannello solare di ridotte dimensioni. Con Solar Premium, il consumatore potrà riscaldare una bevanda in qualsiasi momento e ovunque si trovi. Un’attenta di mercato ha evidenziato l’assenza in commercio di un prodotto simile e ha consentito di definire il target di clientela della società rappresentato da escursionisti, sportivi in genere e lavoratori.

19) La cintura che ti ricarica
Liceo Scientifico Oberdan Trieste
Solid Dreams è il nome della startup creata dal liceo per ideare un prodo?o innovativo, che unisce la tecnologia alla semplicità: una cintura, la SD Belt, che permette di avere sempre a disposizione una ricarica per il proprio smartphone.
La fibbia è contiene una batteria di 2500 mAh per garatire la carica dello smartphone per l’intera giornata e mira a sostituire i tipici powerbank in commercio.

20) TeenThing, la scatola bio
ISIS Linussio Codroipo
“If you believe in us, you believe in the future”, dicono gli studenti che hanno creato la startup Teenthing per realizzare e commercializzare una scatola in due formati. FlexBox verrà costruita con il PLA, un materiale biologico ricavato dalla fibra di mais, sarà pieghevole e con molteplici funzioni che soddisferanno le necessità quotidiane: può diventare un porta cuffiette, porta medicine o contenitore per la merenda.

Ultimo aggiornamento: 25 maggio 2018

Questo sito utilizza cookies tecnici di terze parti per l'analisi aggregata del traffico allo scopo di ottimizzarne navigazione e contenuti.
Per maggiori informazioni, consultate la privacy policy del sito.

X