.:: Camera di commercio di Udine ::.

Home > Punto Impresa Digitale (PID) > Servizi e tecnologie > INDUSTRIA 4.0 - La IV^ rivoluzione industriale
INDUSTRIA 4.0 - La IV^ rivoluzione industriale

 

pid_1.gif

 

Definizione
Il termine Industria 4.0 (o Industry 4.0) indica una tendenza dell’automazione industriale che integra alcune nuove tecnologie produttive per migliorare le condizioni di lavoro e aumentare la produttività e la qualità produttiva degli impianti.
Industria 4.0, o meglio, Industry 4.0 prende il nome dal piano industriale del governo tedesco (presentato nel 2011) e concretizzato alla fine del 2013, che prevedeva investimenti su infrastrutture, scuole, sistemi energetici, enti di ricerca e aziende per ammodernare il sistema produttivo tedesco e riportare la manifattura tedesca ai vertici mondiali rendendola competitiva a livello globale.

La Quarta rivoluzione industriale
I risultati ottenuti dalla Germania a livello produttivo hanno portato molti altri paesi a perseguire questa politica; per questo sono stati svolti numerosi studi fino ad ora: tra i più conosciuti, quelli di McKinsey, Boston Consulting e Osservatori del Politecnico di Milano. Questi studi hanno portato a definire l’impatto che queste nuove politiche avranno sul contesto sociale ed economico, definendo questo passaggio storico "Quarta rivoluzione industriale".
Dalla ricerca The Future of the Jobs presentata al World Economic Forum è emerso che, nei prossimi anni, fattori tecnologici e demografici influenzeranno profondamente l’evoluzione del lavoro. Alcuni, come la tecnologia del cloud e la flessibilizzazione del lavoro, stanno influenzando le dinamiche già adesso e lo faranno ancora di più nei prossimi 2-3 anni.

Piano Nazionale Industria 4.0 (Piano Calenda)
Il Piano nazionale Industria 4.0 intende creare un ambiente favorevole alle imprese, tenendo conto della nuova fase di globalizzazione e di cambiamenti tecnologici in atto, attraverso un insieme di misure organiche e complementari in grado di favorire gli investimenti per l’innovazione e per la competitività.
Sul sito del Ministero dello sviluppo economico sono state pubblicate le nuove pagine dedicate agli strumenti attuativi del Piano (Iper e superammortamento, Nuova Sabatini, Credito d’imposta R&S, Patent box, Startup e PMI innovative, Fondo di Garanzia).
Con il termine “Industria 4.0” si vuole indicare la “quarta rivoluzione industriale” resa possibile dalla disponibilità di sensori e di connessioni wireless a basso costo, con un impiego sempre più pervasivo di dati e informazioni, di tecnologie computazionali e di analisi dei dati, di nuovi materiali, componenti e sistemi totalmente digitalizzati e interconnessi (internet of things and machines).
Il piano italiano segue analoghe iniziative avviate in Germania, Francia, Regno Unito e Olanda.
Industria 4.0 investe tutti gli aspetti del ciclo di vita delle imprese che vogliono aumentare competitività, offrendo un supporto negli investimenti, nella digitalizzazione dei processi produttivi, nella valorizzazione della produttività dei lavoratori, nella formazione di competenze adeguate e nello sviluppo di nuovi prodotti e processi.

Primi risultati (da Industria 4.0 a Impresa 4.0)
I primi risultati del Piano Nazionale possono essere così riassunti:

  • sono cresciuti gli ordinativi sul mercato interno dei beni strumentali, (+ 11,6% primo semestre)
  • è cresciuto il numero di imprese che aumenteranno la spesa in Ricerca&Sviluppo
  • sono stati stanziati 3,5 miliardi di investimenti pubblici sulla banda ultralarga, destinandoli dunque sia alle infrastrutture sia alla soddisfazione della domanda di famiglie e imprese, così da raggiungere gli obiettivi di copertura al 2020
  • nei primi 8 mesi dell’anno è cresciuto del 10,7 per cento l’importo garantito dal Fondo di Garanzia

Essenzialmente due le criticità emerse:

  • il ritardo nella costituzione dei Competence Center (sono otto i CC che hanno presentato domanda entro il 30 aprile 2018 e sono entrati in graduatoria. È in atto una fase di negoziazione con i centri di competenza selezionati per la ripartizione delle risorse)
  • la situazione degli investimenti early stage in venture capital. L’aumento del 2% è considerato insufficiente e “di distanza siderale rispetto al resto d’Europa”. Per questo Cassa Depositi e Prestiti sta sviluppando nuovi correttivi, usando fondi del Mise

Alla fine del 2017 il governo ha presentato la fase due del Piano nazionale. Il programma cambia nome: non più solo Industria 4.0, ma Impresa 4.0; questo significa estendere il Piano a qualsiasi attività economica.

 

A CHI RIVOLGERSI

Punto Impresa Digitale
Via Morpurgo 4 - 33100 Udine
Tel. 0432 273547 273503 (dal lunedì al venerdì dalle 08:30 alle 12:30)
e-mail: pid@ud.camcom.it

Responsabile: Paolo Rodolico

» ORARIO DI APERTURA AL PUBBLICO (consulta la pagina Orari)

Ultimo aggiornamento: 15 gennaio 2019

CONDIVIDI
Aggiungi a Facebook Twitter Linkedin

Questo sito utilizza cookies tecnici di terze parti per l'analisi aggregata del traffico allo scopo di ottimizzarne navigazione e contenuti.
Per maggiori informazioni, consultate la privacy policy del sito.

X